Je suis Charlie – en Provence

In questo gennaio 2015 mi trovo in Francia, in particolare nel sud, nel Midi, e sto toccando con mano la reazione dei francesi dopo il massacro nella redazione di Charlie Hebdo.

Ciò che più mi colpisce sono l’unità e la solidarietà che aleggiano tra le persone.

Tanti per esempio i commercianti che hanno apposto sull’ingresso del loro locale la frase intrisa di fraternité e liberté “Je suis Charlie”.

grasse 2015-01-10 115
Grasse – foto di Silvia C. Turrin©

Tante le persone che invocano davvero libertà di parola e di espressione, un diritto fondamentale che dovrebbe appartenere a tutto il genere umano, a tutte le donne e gli uomini a qualsiasi latitudine del globo.

Giovedì 8 gennaio, a mezzogiorno, il giorno dopo l’ecatombe, mi trovavo in un grande centro commerciale di Brignoles (Var) e dopo l’annuncio della speaker le persone si sono fermate – ci siamo fermati – e, in una posa composta, abbiamo tenuto 1 minuto di silenzio.

grasse 2015-01-10 213
foto di Silvia C. Turrin©

Un momento magico…

La musica pop si è spenta.

E le persone hanno trovato il tempo per pensare, pregare, riflettere su questioni serie, non effimere.

Anche in Provenza, una terra in cui il Front Nationale è molto forte, si avverte in tante persone la voglia di unità e di non cedere alla paura iniettata dagli atti di terrorismo compiuti a Parigi;

si avverte la voglia di creare una società pluralista, aperta e tollerante, a dispetto dei messaggi demagogici, populisti e razzisti di tutti quei gruppuscoli neofascisti che sfruttano la situazione per fomentare la divisione tra i popoli…

Un altro mondo è possibile… non più basato sulla violenza, sulla guerra e sui giochi geopolitici-strategici mascherati da terrorismo…

Silvia C. Turrin

Annunci